• Michela Tosi

Come promuovere la tua casa vacanze per il turismo domestico





In questi tempi difficili, con il Coronavirus che non sembra volerci abbandonare, è importante che la tua attività di affitto per le vacanze continui ad andare avanti. Oltre a rimanere aggiornati sulle ultime novità e sulle precauzioni da osservare per la sicurezza nostra e altrui, puoi concentrarti a riempire i vuoti causati dalle cancellazioni o dalle mancate prenotazioni. Naturalmente, se puoi farlo date le normative e il DPCM!


Ormai non c’è più alcun paese che non sia interessato dalla pandemia, ma ogni zona ha le proprie regole e comunque programmare o prenotare una mini-vacanza non può far male… sempre che non si pretenda di andare all’estero e che non ci si trovi in una in zona rossa, naturalmente! D’altra parte, nel 2019 il turismo domestico ha rappresentato il 50% del totale, in Italia. Non sei sicuro di come rivolgerti ai turisti italiani? Con questi 9 fantastici consigli, vedrai che riuscirai a riempire la tua struttura!


Che cosa sono i turisti nazionali?


I turisti nazionali sono ospiti che viaggiano tra città diverse all’interno dello stesso paese. Ad esempio, se hai la tua casa vacanze in Italia, qualsiasi ospite che ti arrivi da una regione italiana sarà da considerare un viaggiatore nazionale. Si tratta di persone che non vanno all’estero e non attraversano confini, ma piuttosto visitano altre città e regioni all’interno del loro paese, dove è situata anche la tua casa vacanze.


Come posso rivolgermi ai turisti nazionali?


Per puntare ai viaggiatori nazionali, dovrai adattare e modificare la tua strategia di marketing su tutti gli strumenti online, tra cui il sito web, gli annunci sulle OTA e anche i social media. Abbiamo qualche consiglio su come potresti fare, eccoli di seguito:


1. Sistema i prezzi


L’economia globale è stata colpita duramente dalla pandemia: molte attività sono state chiuse (temporaneamente o no) e le compagnie aeree hanno visto una drastica riduzione dei voli.

A causa del declino dei viaggi, alcuni turisti potrebbero decidere di andare in una città o in una regione diverse del loro paese. Tuttavia, i turisti nazionali non sono quelli che cercano (nella maggior parte dei casi) una vacanza di lusso all’estero, ma piuttosto qualcosa di abbordabile nelle vicinanze. I viaggiatori nazionali possono anche decidere di cercare una sistemazione last minute o di guardarsi in giro e poi decidere di prenotare.

In questo momento è quindi una buona idea quella di adeguare i prezzi per attirare gli ospiti nazionali e riempire i vuoti lasciati dalle cancellazioni o dalla mancanza dei viaggi. Insieme a un ottimo software case vacanze per la gestione delle prenotazioni, puoi pensare di utilizzare strumenti di tariffazione dinamici come Pricelabs per automatizzare gli adeguamenti di prezzo e di sistemazione.


2. Rivedi la tua politica di soggiorno minimo


I turisti nazionali potrebbero anche scegliere di fare un viaggio più breve di altri viaggiatori, magari per una “fuga” di un weekend o di pochi giorni. Se nella tua casa vacanze chiedi un soggiorno minimo di 7 giorni, pensa di ridurlo, per il momento. Ricorda che si tratta di una cosa temporanea che ti darà l’opportunità di riempire i vuoti nelle prenotazioni. È più probabile che i turisti locali prenotino la tua struttura, sapendo che non hanno l’obbligo di pagare per una settimana intera.


3. Sta’ in contatto con l’Ufficio del Turismo locale


Spesso, quando programmano un viaggio, molti viaggiatori cercano online l’ente del turismo e le agenzie di viaggio per avere idee su cosa fare nelle zone che vogliono visitare. Se contatti l’ufficio del turismo, comunicando la tua esistenza e che vorresti lavorare con loro, e probabile che ti arrivino potenziali clienti che potrebbero prenotare direttamente sul posto.

Oltretutto, questi viaggiatori potrebbero sentirsi più tranquilli e a loro agio prenotando una casa vacanze attraverso un ufficio del turismo ufficiale. Se hanno fiducia in una struttura “ufficiale”, si sentiranno più in buone mani anche con i consigli che tale struttura può loro fornire.


4. Fa’ promozione incrociata con le aziende locali


Così come cercano l’ufficio del turismo locale, i viaggiatori cercheranno anche ristoranti, bar e negozi nell’area della destinazione che hanno scelto.

instaurare collaborazioni con le imprese locali è un altro modo per rivolgersi ai turisti nazionali. Negozi, bar e altre imprese locali possono consigliare la tua casa vacanze distribuendo i tuoi volantini o biglietti da visita. Secondo il tipo di azienda, potrebbero anche pubblicizzare la tua sistemazione sul loro sito o piattaforme di social media.

In cambio, tu potresti consigliare questi posti ai tuoi ospiti, offrendo loro degli sconti. Ad esempio, “Sconto del 50% alla Bella Napoli quando stai da noi a marzo”, “Prenota Alla Cappuccina e avrai in cambio paste e dolcetti al Bar dell’Orologio”, o ancora “Soggiorna vicino casa a Firenze con un buono da 50 Euro al ristorante Al Timo Selvatico”. Le promozioni saranno un incentivo per gli ospiti in cerca di una mini-vacanza vicino a casa, perché saranno lieti di avere non solo questa “scappata” alla tua casa vacanze, ma anche qualche sconto di cui poter usufruire insieme a questa.

Inizia oggi stesso, contattando i locali o le aziende della tua zona per vedere se sono interessati alla pubblicità incrociata. Chiedere non fa mai male, e potrebbe portarti qualche prenotazione extra!


5. Ottimizza il contenuto del tuo sito e degli annunci


I viaggiatori in cerca di una sistemazione andranno su Google e digiteranno esattamente quello che stanno cercando. Accertati quindi che il tuo sito, oltre a essere dotato di un software gestione casa vacanze che funzioni, contenga tutte le keyword più specifiche per la tua zona. Ad esempio, “cose da fare a (nome della città)” o “case vacanza vicino a me”.

Puoi includere tutte queste keyword creando dei blog post sulla tua posizione. In effetti, un blog di successo – uno che genera sempre molti contatti – è “cose da fare nella zona”. Scriviti un elenco di punti di interesse, attività, ristoranti, negozi e scrivi del contenuto in cui li racconti uno per uno: orari di apertura, range di prezzi, esperienza, ecc. Mentre i viaggiatori leggono il contenuto sul tuo sito, potrebbero davvero finire a prenotare da te, visto che sono nella fase di ricerca e potrebbero non aver ancora prenotato.

Oltre a ottimizzare il tuo sito, ricordati di condividere tutto il tuo contenuto sui social media; tutti coloro che lo vedranno saranno reindirizzati al tuo sito, fornendoti così un’ulteriore opportunità per altre prenotazioni.


6. Metti in mostra i tuoi servizi e dotazioni


La tua casa vacanze potrebbe essere dotata di comodità che gli ospiti non hanno nella propria casa: ecco perché questo è il momento giusto per elencare ogni singola cosa che potrebbe essere interessante per i tuoi ospiti e che potrebbe motivarli a stare da te.

Che si tratti di guardare un film sul tuo home cinema, di giocare a qualche divertente gioco da tavolo facendo il popcorn o lo zucchero filato o di rilassarsi in un idromassaggio o nella piscina, fa’ loro gustare una minivacanza coi fiocchi!

Sappi, inoltre, che avere un abbonamento Netflix ti permetterà di aumentare davvero le tue chance di ricevere più prenotazioni: gli ospiti sono molto più attratti dagli annunci dove è menzionato Netflix. Fa’ sapere ai tuoi ospiti che, stando da te, non si perderanno il loro spettacolo preferito.


7. Pubblicizza la minivacanza o la scappata


Le minivacanze stanno diventando sempre più popolari, con molti italiani che le scelgono per una serie di lati positivi… non ultimo dei quali il risparmio! Pubblicizza la tua casa vacanze per un soggiorno breve includendo attività rilassanti come bagni profumati o plus come cioccolate o anche una bella bottiglia di vino. Ma non dimenticarti mai di far sapere ai tuoi ospiti che la tua proprietà, con tutte le sue dotazioni, è stata disinfettata e sanificata a fondo.

Fa’ in modo che scoprano (e si godano) tutto ciò che la tua casa ha da offrire, e non dimenticarti di menzionare anche tutte le altre dotazioni essenziali.

Potresti anche pubblicizzare una “fuga” quieta e pacifica per quei viaggiatori che volessero scappare dal rumore o dalla città. Se la tua casa vacanze è in una posizione silenziosa, approfittane! Per esempio, se si tratta di un bungalow nel bosco, di una casetta o di una sistemazione nell’industria del “camping glamour”, pubblicizza un’esperienza tranquilla e rilassante.

Le parole sono potenti. Sii creativo, fa’ in modo che i tuoi ospiti “visualizzino” la loro futura minicavanza o scappata dal quotidiano. Ottimizza il contenuto di tutti i tuoi annunci sulle OTA e sul sito, utilizzando magari un channel manager appartamenti per renderti il lavoro meno faticoso.


8. Prendi in considerazione l’idea di accettare gli animali da compagnia


Più di 20 milioni di italiani possiedono un cane o un gatto, e molti di questi se li portano dietro quando viaggiano. I pet danno conforto e sicurezza, e molto spesso i viaggiatori si sentono in colpa quando devono lasciare i loro amici pelosi in qualche canile o pensione per animali mentre loro se la spassano in vacanza.

La maggior parte dei turisti nazionali prenderà l’auto, e questo vuol dire che i loro beniamini potranno facilmente viaggiare insieme a loro. Rivolgiti agli ospiti nazionali e incoraggiali a stare nella tua casa vacanza con i loro animali! In questo modo potrai raggiungere un pubblico molto più vasto. E, in più, massimizzerai i tuoi profitti, visto che potrai avere non solo più prenotazioni ma anche chiedere un importo maggiore per il pet.


9. Fa’ pubblicità attraverso il marketing online e la pubblicità a pagamento

Pubblicizzare online la tua casa vacanze per mezzo di strumenti di marketing online a pagamento ti permetterà di avere la tua attività in prima linea e di aumentare la tua visibilità. Per iniziare ci sono due sistemi semplici:


Facebook Ads

Se hai una pagina Facebook, puoi scegliere a chi rivolgerti con i tuoi post su Facebook. Puoi filtrare persone di una regione, di una città e di comunità specifiche, che è un sistema grandioso di attirare ospiti nazionali!


Ma se veramente vuoi che la tua attività raggiunga un’audience più grande, dovrai in qualche modo “spingere” i tuoi post e creare annunci Facebook e Instagram. Fare promozione su Facebook Ads vuol dire, naturalmente, pubblicità a pagamento. Tuttavia, puoi decidere esattamente quanto vuoi spendere, per quanto tempo e anche indicare un budget preciso. Facebook non oltrepasserà mai il tuo budget, così avrai il pieno controllo delle tue spese.


Google Ads

Google Ads è lo strumento di marketing pay-per-click (PPC) originale che permette ai proprietari di un’attività di creare pubblicità per i servizi offerti. Gli utilizzatori, come ad esempio turisti che cercano una sistemazione, incapperanno nel tuo annuncio mentre sono in cerca di case come la tua su Google.


Secondo uno studio sull’impatto economico di Google, le attività raddoppiano le loro entrate grazie alla pubblicità a pagamento. Quando usi le keyword corrette e pertinenti per rivolgerti agli ospiti potenziali, i viaggiatori in cerca di case vacanze vedranno il tuo annuncio. Il servizio ti viene addebitato solo quando gli ospiti cliccano sull’annuncio (pay-per-click vuol dire infatti “paga a click”), ma tieni presente che coprirai l’investimento con facilità grazie all’aumento nelle prenotazioni. Nel lungo termine, si tratta di un metodo poco costoso per attirare nuovi ospiti.


Comprendiamo bene come il coronavirus abbia avuto un impatto significativo sul settore viaggi e affitti per vacanze. Ecco perché noi di Mt Rental Consulting stiamo facendo tutto il possibile per supportare i nostri padroni di casa e manager.


25 visualizzazioni0 commenti