• Michela Tosi

TASSA DI SOGGIORNO E AFFITTI BREVI: LA GUIDA PER I PROPRIETARI

Aggiornato il: nov 5

Vuoi saperne di più su come funziona la tassa di soggiorno per gli affitti brevi? Se sei proprietario o gestore di una casa vacanze, un B&B o un affittacamere è importante che tu conosca la regolamentazione municipale della tua località.

Sai come riscuoterla correttamente e versarla alle casse del Comune in cui è situata la tua struttura?

In questo articolo vedremo nello specifico di cosa si tratta e soprattutto quali sono gli obblighi per i proprietari, al fine di non incorrere in sanzioni.

COS’È LA TASSA DI SOGGIORNO?

Partiamo dalle basi. Cos’è la tassa di soggiorno?

Con il termine tassa di soggiorno ci si riferisce all’imposta comunale, introdotta nella legislazione italiana dal Decreto legislativo n. 23/11, articolo 4 nell’ambito della riforma sul federalismo fiscale, che viene applicata ai viaggiatori che soggiornano nelle strutture ricettive che vi per una o più notti.

Si tratta di un’imposta che comporta un obbligo sia per i viaggiatori che per i proprietari delle strutture ricettive: obbligo al pagamento da parte dei primi e alla corretta riscossione e successivo versamento allo Stato dei secondi.


INTRODUZIONE DELLA TASSA DI SOGGIORNO PER GLI AFFITTI BREVI


Dal 2017, inoltre, grazie ad una modifica la Decreto Legislativo sopra citato, anche chi decide di affittare una proprietà attraverso intermediari come Booking.com o Airbnb è tenuto a far pagare la tassa di soggiorno.

L’imposta di soggiorno per affitti brevi vale, dunque, tanto per le case vacanza, come per i bed and breakfast, gli affittacamere e per affitti turistici in strutture non professionali, e riguarda, inoltre, anche le città d’arte e di interesse storico-architettonico (identificate nel Decreto stesso).

Va da sé che il mancato pagamento comporta sanzioni amministrative e in alcuni casi anche penali, sia per i proprietari che per gli ospiti.

L’importo della tassa di soggiorno per le case vacanza varia in base ai singoli Comuni, ai quali è lasciato l’arbitrio di esercitarne la riscossione attraverso il pagamento di una quota fissa o trattenendo una percentuale sul prezzo della prenotazione, sempre dentro il limite dei 5 euro per le case vacanze.


SOGGETTI ESENTI DAL PAGAMENTO DELLA TASSA DI SOGGIORNO


Sono esenti dal pagamento dell’imposta di soggiorno i bambini fino a 12 anni, gli over 65, le persone affette da disabilità o patologie, i residenti nel medesimo Comune e il personale delle forze dell’ordine.

Va infine ricordato come alcuni comuni abbiano deciso di applicare la tassa di soggiorno per appartamenti e strutture ricettive soltanto nei periodi di alta stagione, pertanto, sia viaggiatori che proprietari dovrebbero essere sempre informati correttamente sulla normativa.


COME FUNZIONA LA TASSA DI SOGGIORNO? IL CALCOLO


Dopo aver capito bene di cosa si tratta passiamo alla prossima domanda. Come si calcola la tassa di soggiorno?

Per calcolare la cifra che, in qualità di proprietario, dovrai far pagare ai tuoi ospiti, sarà sufficiente moltiplicare il numero degli ospiti per il numero di notti, per la tariffa comunale corrispondente (che puoi verificare sul sito del tuo municipio o recandoti personalmente negli uffici preposti).

L’ammontare dell’imposta di soggiorno, inoltre, varia anche a seconda del tipo di struttura: per una casa vacanze la cifra sarà chiaramente inferiore se paragonata a quella di un hotel a cinque stelle.


TASSA DI SOGGIORNO: OBBLIGHI E SANZIONI PER I PROPRIETARI


Questo è un punto molto delicato per tutti i proprietari o gestori di strutture extra alberghiere. Infatti, pur essendo l’ospite la figura soggetta all’imposta, il responsabile del pagamento o meno della tassa di soggiorno è proprio il proprietario o gestore della struttura.

Pertanto, sarai tu a dover ottemperare all’obbligo di versare al Comune la quota prevista.

Per i proprietari che non versano al Comune la tassa di soggiorno già incassata dagli ospiti, o che effettuano un versamento parziale, è prevista una sanzione che varia dai 25€ ai 500€.

Tuttavia, ricorda che omettere o falsificare un pagamento nei confronti di un ente pubblico, non costituisce solo reato amministrativo, ma anche penale. Quindi i proprietari che dovessero sottrarsi agli obblighi previsti da questa norma rischierebbero molto di più di una semplice sanzione economica.

Ciò che dovrai fare per agire nella legalità è, innanzitutto informare adeguatamente i tuoi ospiti circa la voce di spesa in questione, sia che tratterrai una percentuale dalla loro prenotazione, sia che richiederai il versamento della somma corrispondente. In secondo luogo, sarai tenuto a dichiarare al Comune, ogni mese (entro il giorno 15 del mese successivo) il numero di ospiti che hanno soggiornato presso la tua struttura, per quante notti, l’imposta dovuta e gli estremi del versamento effettuato, attraverso apposito modulo.


COSA SUCCEDE SE L’OSPITE SI RIFIUTA DI PAGARE LA TASSA DI SOGGIORNO


Nel caso in cui l’ospite si rifiutasse di pagare l’importo dovuto, il proprietario non rischierebbe nulla, al contrario dell’ospite che invece rischierebbe la medesima sanzione tra i 25€ ai 500€.

Ricorda che in circostanze di questo tipo, i visitatori che non vogliono pagare l’imposta di soggiorno dovranno compilare e firmare un apposito modulo previsto dal Comuni e nel quale dovranno assumersi la piena responsabilità del mancato pagamento.


TASSA DI SOGGIORNO IN ITALIA: DURATA E IMPORTI


Altra cosa che molti si chiedono è per quanti giorni si paga la tassa di soggiorno?

La verità è che i vari Comuni decidono in maniera autonoma il numero massimo di giorni per cui la tassa di soggiorno va pagata.

Allo stesso modo, l‘ammontare della tassa di soggiorno varia in base al tipo di struttura (Hotel e numero di stelle, struttura extra alberghiera) e alla località.

A Roma, per esempio, il periodo massimo previsto per l’addebito ai visitatori dell’imposta è di 10 giorni, e la cifra oscilla tra 1 euro (per alberghi di una o due stelle) e i 7 euro degli hotel a cinque stelle. Le case vacanze, B&B e le altre strutture extra alberghiere per affitti brevi richiedono una tassa di soggiorno di 3,50 euro al giorno.

A Milano situazione analoga: la tassa di soggiorno per le strutture extra alberghiere può variare dai 3 ai 4 euro al giorno.

Sicuramente tra le città più care c’è Venezia per quanto riguarda gli hotel, ma per gli appartamenti ad uso turistico il costo è inferiore rispetto a Milano e Roma, si parte infatti da 1,50 euro per arrivare ai 3 euro.

A Napoli si parte da una minima di 2 euro al giorno fino ad un massimo di 4,50.

Tutto il contrario per la città di Matera, invece, che a seguito del boom turistico e culturale del 2019 , ha visto raddoppiare i costi dell’imposta di soggiorno, si va dai 2 euro in su!


2 visualizzazioni
  • Facebook Social Icon

Ragione Sociale:

Mt Rental Consulting di Michela Tosi - Via Berlinguer 9 - 60022 - Castelfidardo - An -P.I. IT02563440425 - REA  AN256660

pec: mthotelpromotion@legpec.it